3 minuti di lettura

STRESS LAVORO CORRELATO

Diciamolo subito: lo stress non è una malattia.

Se presente nella giusta “dose” risulta decisamente utile ad affrontare in modo efficace le sfide quotidiane (in queste situazioni si parla di eustress).

Provate a immaginare un giocatore che si appresta a scendere in campo: senza una generosa scarica di adrenalina e cortisolo le sue prestazioni sono sicuramente poco brillanti.

Lo stress dunque non è un problema in sé, ma può diventarlo quando supera le capacità di compensazione di una persona.

Infatti ognuno di noi vive contemporaneamente e parallelamente due mondi: quello esterno, fatto di eventi e persone che influenzano direttamente o indirettamente la nostra vita, e quello interno, costituito dalle nostre emozioni e stati d’animo.

Per generare una situazione di stress “cattivo”, più precisamente di distress, è necessario che in entrambe le dimensioni sia presente una condizione di conflittualità.

Tra i mille fattori di rischio che appartengono al nostro “mondo esterno” vi sono anche quelli lavorativi.

Dunque, alcune condizioni sul lavoro possono predisporre all’insorgenza di uno stress lavoro correlato. Quali?

Cattiva comunicazione, scarso sostegno, mancanza di obiettivi oppure obiettivi poco chiari, ruoli ambigui, scarsa possibilità di carriera, scarsa possibilità di controllo del proprio lavoro, elevata pressione da parte dei superiori, scarsa remunerazione, ingiustizie organizzative, difficoltà nel gestire rapporti interpersonali fra colleghi, orari di lavoro pesanti, carichi di lavoro eccessivi, organizzazione del lavoro inadeguata.

Come se non bastasse anche le “carenze” dell’ambiente di lavoro possono contribuire all’insorgenza di stress: cattive condizioni climatiche e di microlima, scarsa illuminazione, scarse condizioni igieniche, spazi inadeguati eccetera.

D’accordo, a guardar bene qualcosa che rispecchia la nostra condizione attuale forse la possiamo individuare nel lungo elenco che vi ho appena fornito.

E ammettendo anche che questi fattori di rischio possano aver superato le nostre capacità di compensazione, possiamo dire che lo stress lavoro correlato sia pericoloso per la nostra salute?

Purtroppo sì.

Secondo un autorevole studio pubblicato nel 2006 sulla rivista scientifica Scandinavian journal of work, environment & health, coloro che vivono elevati livelli di stress lavorativo hanno il 50% di rischio in più di andare incontro a un infarto. Tutto questo indipendentemente dai restanti fattori di rischio.

Certo non dobbiamo arrenderci a questo triste dato.

E nell’attesa che la nostra situazione lavorativa migliori possiamo fin da oggi mettere in pratica moltissime strategie per vincere lo stress lavoro correlato.

I rimedi esistono, sono tutti naturali e scientificamente dimostrati!

Misura il tuo stress

Conosci lo stress e sai gestirlo?

Se vuoi scoprire di più sullo stress e sui possibili rimedi (tutti naturali!) ti consiglio il mio libro:

Gestire lo stress. Dalla ricerca scientifica tutti i segreti per vivere lo stress quotidiano nel migliore dei modi


Bibliografia:

Gian Luca Rosso

Sono un Medico e Ricercatore indipendente. Ho conseguito un dottorato di ricerca in psicologia, neuroscienze e statistica medica presso l’Università degli Studi di Pavia.

Vivo a Cuneo e lavoro sia come Medico del Lavoro consulente ed esperto in salute e benessere nei luoghi di lavoro, sia come Medico del Servizio di Emergenza Sanitaria (118) del Sistema Sanitario Nazionale.

Sono Autore di numerosi studi scientifici, capitoli e manuali dai contenuti medici e psicologici.

Tra le pagine di questo sito troverai anche i riferimenti alla mia collana di libri il cui tema sono le soft skills.

Chiedimi il contatto sui principali social media e io, molto volentieri, lo accetterò!

Latest posts by Gian Luca Rosso (see all)