Misura le tue capacità persuasive!

persuasione


Che cos’è la leadership? L’arte di riuscire a far fare a qualcuno quello che tu vuoi perché lui lo desidera”


Dwight David Eisenhower

La capacità di persuadere è un’abilità indispensabile per qualunque leader, ma è anche una qualità utile per chiunque desideri ottenere il massimo dalla propria vita.

Attraverso la persuasione possiamo cambiare le idee degli altri, convincerli a fare una determinata azione, vendere o acquistare in modo vantaggioso.

Esistono vere e proprie “armi della persuasione”, ovvero tecniche la cui efficacia è scientificamente dimostrata.


Ecco un test per scoprire qual è il tuo grado di conoscenza degli strumenti utili a persuadere gli altri (8 domande a cui puoi rispondere in meno di 5 minuti).

1. Immagina di dover chiedere al tuo capo un piccolo (ma per te importante) benefit lavorativo:

  1. Gli chiedo un appuntamento e poi presento la richiesta in modo diretto, senza fronzoli (non voglio che si senta abbindolato da inutili giri di parole).
  2. Gli presento la richiesta in modo diretto ma inaspettato, cioè senza chiedere appuntamenti e sfruttando il fattore sorpresa.
  3. Aspetto l’occasione più opportuna per offrirgli un caffè e spendere un breve momento per alcune chiacchiere (volte a evidenziare interessi comuni), solo dopo presento la mia richiesta.

2. Immagina di doverti presentare per un colloquio di lavoro in un’azienda in cui l’abbigliamento standard è molto diverso da quello che è “il tuo stile”:

  1. Mi presento cercando di entrare nella parte e adattandomi allo “stile” di quella specifica azienda.
  2. Mantengo il mio outfit, perché è parte di me e descrive in parte il mio carattere e la mia originalità.
  3. L’abito e l’aspetto contano poco, sono le mie abilità tecniche e non a fare la differenza.

3. Immagina di dover vendere la tua e-bike:

  1. Punto tutto sul prezzo, è quello che fa la differenza.
  2. Punto su ciò che la rende unica, e rendo l’offerta limitata (ad es: acquistabile a un determinato prezzo entro una determinata data).
  3. Punto sul passa parola e utilizzo i miei profili social per mandare innumerevoli messaggi promozionali.

4. Immagina di dover vendere dei biglietti per uno spettacolo teatrale (costo 20 €) e/o una confezione di cioccolatini (costo 5 €) a scopo di beneficienza:

  1. Propongo sempre prima la confezione di cioccolatini, è più economica ed è più facile che la gente accetti, solo dopo aver selezionato i più disponibili presento anche l’opzione più costosa (i biglietti a 20 €).
  2. Propongo entrambi contemporaneamente, lasciando che sia la gente a scegliere ciò che più gli interessa
  3. Propongo sempre prima i biglietti per il teatro, solo in caso di rifiuto presento l’opzione più economica (i cioccolatini a 5 €).

5. Stai preparando il tuo curriculum vitae:

  1. Non inserisci nessuna foto, non ha infatti alcuna utilità e distrae colui che deve valutare le tue competente.
  2. Inserisci la tua migliore fotografia di ritratto, perché sai che ti farà apparire più competente e intelligente.
  3. Inserisci una foto “normale”, in modo tale che presenti la tua immagine senza però distrarre il valutatore da quelle che sono le tue competenze.

6. Vuoi chiedere al capo la possibilità di uscire un’ora prima questa sera, seleziona la frase più efficace:

  1. Avrei bisogno di uscire un’ora prima questa sera, posso?
  2. Potrei uscire un’ora prima questa sera?
  3. Avrei bisogno di uscire un’ora prima questa sera, perché ho un impegno importante.

7. Hai aperto un sito internet e vuoi raccogliere il maggior numero di email di coloro che visitano la tua pagina web:

  1. Offri dei contenuti di qualità in modo gratuito, prima però chiedi ai visitatori di fornirti la loro mail.
  2. Offri dei contenuti di qualità in modo gratuito, e solo al termine della lettura chiedi ai visitatori di fornirti la loro mail.
  3. Non offro alcun contenuto fin tanto che il visitatore non mi ha lasciato la sua mail.

8. Stai partecipando a una campagna ambientalista e devi invitare la gente a riciclare il sacchetto della spesa, quale frase ritieni sia più efficace:

  1. “Il sacchetto della spesa può essere riutilizzato, aiuta l’ambiente riciclandolo!”.
  2. “Sapevi che l’80% delle persone che riceve questo sacchetto poi lo riutilizza?”.
  3. “Aiutaci a preservare l’ambiente, ricicla anche tu il sacchetto della spesa”.

RISPOSTE CORRETTE

1 -> C; 2 -> A; 3 -> B; 4 -> C;

5 -> B; 6 -> C; 7 -> B; 8 -> B;


SE VUOI SAPERNE DI PIU’ SULL’ARGOMENTO TI INVITO A LEGGERE LA MIA PAGINA “PERSUADERE (E RESISTERE ALLE MANIPOLAZIONI)

Bibliografia

  • Asch, S. E., & Guetzkow, H. (1951). Effects of group pressure upon the modification and distortion of judgments. Groups, leadership, and men, 222-236.
  • Cialdini, R. B. (2001). Influence: Science and practice (4th ed.). Boston: Allyn & Bacon. (Originariamente pubblicato nel 1984).
  • Cialdini, R. B., Cacioppo, J. T., Bassett, R., & Miller, J. A. (1978). Low-ball procedure for producing compliance: commitment then cost. Journal of personality and Social Psychology, 36(5), 463-476.
  • Dion, K.K. (2002). Cultural perspectives on facial attractiveness. In: Rhodes, C., Zebrowitz, L.A., editors. Facial attractiveness: Evolutionary, cognitive, and social perspectives (pp. 239–259). Westport, CT: Ablex Publishing.
  • Eagly, A. H., Ashmore, R. D., Makhijani, M. G., & Longo, L. C. (1991). What is beautiful is good, but…: A meta-analytic review of research on the physical attractiveness stereotype. Psychological bulletin, 110(1), 109-128.
  • Ebster, C., & Neumayr, B. (2008). Applying the door-in-the-face compliance technique to retailing. The International Review of Retail, Distribution and Consumer Research, 18(1), 121-128.
  • Freedman, J. L., & Fraser, S. C. (1966). Compliance without pressure: the foot-in-the-door technique. Journal of personality and social psychology, 4(2), 195-202.
  • Gamberini, L., Petrucci, G., Spoto, A., & Spagnolli, A. (2007, April). Embedded persuasive strategies to obtain visitors’ data: Comparing reward and reciprocity in an amateur, knowledge-based website. In International Conference on Persuasive Technology (pp. 187-198). Springer, Berlin, Heidelberg.
  • Hosman, L. A. (2002). Language and persuasion. In: Dillard, J., Pfau M., editors. The Persuasion Handbook. Developments in Theory and Practice (pp. 371-391). Sage Publications, Thousand Oaks, London, New Delhi.
  • Landy, D., & Sigall, H. (1974). Beauty is talent: Task evaluation as a function of the performer’s physical attractiveness. Journal of Personality and Social Psychology, 29(3), 299-304.
  • Langer, E. J., Blank, A., & Chanowitz, B. (1978). The mindlessness of ostensibly thoughtful action: The role of” placebic” information in interpersonal interaction. Journal of personality and social psychology, 36(6), 635-642.
  • Langlois, J. H., Kalakanis, L., Rubenstein, A. J., Larson, A., Hallam, M., & Smoot, M. (2000). Maxims or myths of beauty? A meta-analytic and theoretical review. Psychological bulletin, 126(3), 390-423.
  • Lynn, M. (1991). Scarcity effects on value: A quantitative review of the commodity theory literature. Psychology & Marketing, 8(1), 43-57.
  • Morris, M., Nadler, J., Kurtzberg, T., & Thompson, L. (2002). Schmooze or lose: Social friction and lubrication in e-mail negotiations. Group Dynamics: Theory, Research, and Practice, 6(1), 89-100.
  • Worthy, M., Gary, A. L., & Kahn, G. M. (1969). Self-disclosure as an exchange process. Journal of Personality and Social Psychology, 13(1), 59-63.
Latest posts by Gian Luca Rosso (see all)
Top